Ermanno Krumm: “Uno sguardo metropolitano sul sesso e sulla morte”

di Ermanno Krumm [Questo articolo di Ermanno Krumm apparve nel Corriere della sera del 19 luglio 2000. gm] In un poemetto libero e giocoso Giulio Mozzi getta uno sguardo metropolitano sul sesso e la morte. L’ idea di partenza per

Ermanno Krumm: “Uno sguardo metropolitano sul sesso e sulla morte”

di Ermanno Krumm [Questo articolo di Ermanno Krumm apparve nel Corriere della sera del 19 luglio 2000. gm] In un poemetto libero e giocoso Giulio Mozzi getta uno sguardo metropolitano sul sesso e la morte. L’ idea di partenza per

Aldo Nove: “Dei confini tra il notiziario e la preghiera”

di Aldo Nove [L’articolo di Aldo Nove che leggete qui sotto apparve quasi vent’anni fa nella rivista Fernandel. gm] Morte e linguaggio. Simulacri prossimi l’un l’altro all’assente (qui e adesso, a dio) che Giulio Mozzi assembla nel Culto dei morti

Aldo Nove: “Dei confini tra il notiziario e la preghiera”

di Aldo Nove [L’articolo di Aldo Nove che leggete qui sotto apparve quasi vent’anni fa nella rivista Fernandel. gm] Morte e linguaggio. Simulacri prossimi l’un l’altro all’assente (qui e adesso, a dio) che Giulio Mozzi assembla nel Culto dei morti

Marco Belpoliti: “Esiste ancora lo scrittore ‘civile’?”

di Mario Belpoliti [Questo articolo di Marco Belpoliti apparve nel settimanale L’Espresso dell’1 febbraio 2001. gm]. Esiste ancora lo “scrittore civile”, quello che si fa carico di ricordare ai suoi lettori di essere parte di una comunità di cittadini, di

Marco Belpoliti: “Esiste ancora lo scrittore ‘civile’?”

di Mario Belpoliti [Questo articolo di Marco Belpoliti apparve nel settimanale L’Espresso dell’1 febbraio 2001. gm]. Esiste ancora lo “scrittore civile”, quello che si fa carico di ricordare ai suoi lettori di essere parte di una comunità di cittadini, di

“Il culto dei morti nell’Italia contemporanea” torna in libreria presso l’editore Nino Aragno (maggio 2018)

Ringrazio Francesco Terzago, che qui legge l’esordio del poemetto (sempre che il Culto dei morti sia, effettivmente, un poemetto). Il Culto, già pubblicato nel 2000 presso Einaudi, tornerà nelle librerie nel prossimo maggio, riedito per i tipi dell’editore Nino Aragno

“Il culto dei morti nell’Italia contemporanea” torna in libreria presso l’editore Nino Aragno (maggio 2018)

Ringrazio Francesco Terzago, che qui legge l’esordio del poemetto (sempre che il Culto dei morti sia, effettivmente, un poemetto). Il Culto, già pubblicato nel 2000 presso Einaudi, tornerà nelle librerie nel prossimo maggio, riedito per i tipi dell’editore Nino Aragno

“Cosa succede quando ‘io’ muore?”

di Demetrio Paolin [Questo articolo di Demetrio Paolin – che ringrazio – è apparso nel numero 290 della rivista L’immaginazione, Manni Editore]. Entrando dentro un testo come Favole del morire (Laurana) di Giulio Mozzi, ho avuto l’impressione di camminare lungo

“Cosa succede quando ‘io’ muore?”

di Demetrio Paolin [Questo articolo di Demetrio Paolin – che ringrazio – è apparso nel numero 290 della rivista L’immaginazione, Manni Editore]. Entrando dentro un testo come Favole del morire (Laurana) di Giulio Mozzi, ho avuto l’impressione di camminare lungo

“E’ il concetto stesso di lutto a farsi da parte”

[Questo articolo di Luca Fiorentini – che ringrazio – è apparso nel numero di luglio-agosto 2015 del mensile L’indice dei libri del mese. gm] Non alla morte né ai morti, ma appunto al morire è dedicato l’ultimo lavoro di Giulio

“E’ il concetto stesso di lutto a farsi da parte”

[Questo articolo di Luca Fiorentini – che ringrazio – è apparso nel numero di luglio-agosto 2015 del mensile L’indice dei libri del mese. gm] Non alla morte né ai morti, ma appunto al morire è dedicato l’ultimo lavoro di Giulio

“Leggere Favole del morire mi ha lasciato la serenità dell’accettazione di quel che sarà”

[Questo articolo di Monica Bauletti – che ringrazio – è apparso in Terzo millennio il 9 giugno 2015. gm]. Non so perché ho voluto leggere questo libro [Favole del morire]. Per curiosità? Sì. Per curiosità. E la mia curiosità è

“Leggere Favole del morire mi ha lasciato la serenità dell’accettazione di quel che sarà”

[Questo articolo di Monica Bauletti – che ringrazio – è apparso in Terzo millennio il 9 giugno 2015. gm]. Non so perché ho voluto leggere questo libro [Favole del morire]. Per curiosità? Sì. Per curiosità. E la mia curiosità è